MISS JULIE

MISS JULIE

Lunedi 4 / Martedi 5 gennaio 2016


Spettacoli ore 21.15


Tratto da:
tragedia "La signorina Giulia" (1888) di August Strindberg

Produzione: MAIPO FILM, THE APOCALYPSE FILMS COMPANY, SENORITA FILMS, SUBOTICA ENTERTAINMENT

Distribuzione: LAB 80 FILM

NORVEGIA, GRAN BRETAGNA, IRLANDA, FRANCIA - 2014

120 min.


MISS JULIE

  • Regia: Liv Ullmann
  • Attori:
  • Jessica Chastain - Sig.na Julie,
  • Colin Farrell - John,
  • Samantha Morton - Kathleen,
  • Nora McMenamy - Julie bambina

  • Soggetto: August Strindberg - (pièce teatrale)
  • Sceneggiatura: Liv Ullmann
  • Fotografia: Mikhail Krichman
  • Montaggio: Michal Leszczylowski
  • Scenografia: Caroline Amies
  • Costumi: Consolata Boyle
  • Effetti: Nick Morton

Una residenza di campagna in Irlanda intorno al 1880. Nel corso di una notte di mezza estate, in un clima di baldoria selvaggia e vincoli sociali allentati, la giovane Julie e John, cameriere di suo padre, ballano e bevono, si corteggiano e manipolano. Lei, altera e superiore in cerca di avvilimento; lui, garbato ma grezzo, uniti nel disgusto e nell'attrazione reciproci. Di volta in volta seducente e prevaricante, selvaggia e tenera, la loro intimità li conduce a piani disperati e alla visione di una vita insieme. Nell'incertezza se il mattino porterà speranza o disperazione, Julie e John trovano la fuga in un atto finale sublime e terribile, come in una tragedia greca.

CRITICA

"Ullmann mette in scena un film d'impianto rigorosamente teatrale, riducendo a tre soli il già scarno paradigma dei personaggi (eccetto una scena in apertura dove la piccola Julie è incarnata da una bambina). Racconta un episodio dell'eterna guerra tra i sessi, ma che implica anche i rapporti tra ricco e povero, padrone e servo, carnefice e vittima. Se per gli aspetti classisti questa nuova 'Miss Julie' appare forse fuori tempo, non lo è invece la dialettica uomo-donna; benché la diagnosi su di essa sia spietata rappresentando - sostanzialmente - la passione d'amore come una patologia. Gli attori in scena s'impegnano senza risparmio. Jessica Chastain entra molto bene nel personaggio calibrandone tutte le sfumature; e non è da meno Samantha Morton, la cui Kathleen suscita empatia e pietà. Meno convincente, Colin Farrell sconta una performance discontinua: a volte trova il tono giusto, altre volte sovrarecita. Malgrado l'assennato uso dello spazio della regia di Liv, il film è un po' troppo lungo per non incorrere in momenti di claustrofobia; prima di chiudere su un'ultima inquadratura in esterni, dove Julie-Jassica assume la grazia triste di un'Ofelia preraffaellita. Le musiche di Bach, Schubert, Chopin completano la - se non originale - raffinata operazione, che gli amanti del teatro dovrebbero apprezzare." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 19 novembre 2015)

"(...) un film impressionante (...). Certo, il merito a monte è di Strindberg che ha colto tematiche talmente in anticipo sui tempi da venire rappresentato in patria solo dopo quasi vent'anni. E col senno di poi si capisce il perché. (...) Un conflitto di classe in piena regola che si confonde con il rapporto uomo-donna provocando un dramma esplosivo. (...) Liv Ullmann mette in scena puntando molto sul talento, notevole, degli interpreti offrendo certo uno spaccato d'epoca ma anche un conflitto che pare connaturato alla natura umana. Perché sono cambiati i modi e i linguaggi, ma nella sostanza l'estrazione sociale discrimina soprattutto quando è lei a stare più in alto (era il caso di Strindberg e sua moglie), infatti per Sabrina una sessantina d'anni dopo è stato tutto un po' più semplice." (Antonello Catacchio, 'Il Manifesto', 19 novembre 2015)

"Piacerà a chi s'è sempre lasciato intrigare dai feroci giochi al massacro di cui August Strindberg buonanima è stato uno dei massimi specialisti. Liv Ullman che fece per la prima volta mezzo secolo fa Julie in teatro con la regia di Ingmar Bergman, dimostra qui d'aver imparato tutto (o quasi) dal maestro amante pigmalione. E Jessica Chastain? Ingmar l'avrebbe molto amata." (Giorgio Carbone, 'Libero', 19 novembre 2015)

"(...) più che un sogno, è un incubo. (...) la vicenda si svolge in una notte di mezza estate di fine Ottocento e la racconta il drammaturgo svedese August Strindberg (1849-1912) nell'atto unico di una tragedia intitolata «La signorina Julie» (Fröke Julie) del 1888. Un lavoro - all'epoca oggetto di una feroce censura - che affronta vari temi, tra cui quello del rapporto uomo-donna, tra classi sociali differenti, della sempiterna lotta tra i sessi. Più volte portata sul palcoscenico e sullo schermo cinematografico, si cimenta con il testo dell'autore svedese Liv Ullmann, già musa di Ingmar Bergman (...). Il cast, ridotto ma strepitoso, come si addice a un dramma da camera, vede impegnanti nei ruoli principali Jessica Chastain (nei panni della signorina Julie), Colin Farrell e Samantha Norton." (Andrea Frambrosi, 'L'Eco di Bergamo', 10 novembre 2015)

Per saperne di più...