IL PALAZZO DEL VICERE

IL PALAZZO DEL VICERE'

GIOVEDI 12 ottobre       spettacolo ore 21.15

VENERDI 13 ottobre     spettacolo ore 21.15


DOMENICA 15 ottobre spettacoII ore 16.00 - 18.00 - 21.15



GRAN BRETAGNA , INDIA 2016 -  106 min.

Tratto da: libri "Stanotte la libertà" di Larry Collins e Dominique Lapierre (ed. Il Saggiatore) e " The Shadow Of The Great-Game - The Untold Story Of Partition" di Narendra Singh Sarila

Produzione: DEEPAK NAYAR, GURINDER CHADHA, PAUL MAYEDA BERGES, BBC FILMS

Distribuzione: CINEMA di Valerio De Paolis


Regia: Gurinder Chadha
Attori: Hugh Bonneville - Lord Mountbatten, Gillian Anderson - Edwina Mountbatten, Manish Dayal - Jeet Kumar, Huma Qureshi - Aalia Noor, Lily Travers - Lady Pamela Hicks, Jaz Deol - Duleep, Om Puri - Ali Rahim Noor, Michael Gambon - Generale Hastings Ismay, Neeraj Kabi - Mahatma Gandhi, Denzil Smith - Muhammad Ali Jinnah, Simon Callow - Cyril Radcliffe, David Hayman - Ewart, Tanveer Ghani - Jawaharlal Nehru, Sarah-Jane Dias - Aalia, Simon Williams - Archie Wavell, Arunoday Singh - Asif, Samrat Chakrabarti - Samrat Mohsin, Lucy Fleming - Lady Wavell, Terence Harvey - Sir Fred Burrows, Darshan Jariwala - Guptaji, Roberta Taylor - Miss Reading, Marcus Jean Pirae - Alan Campbell Johnson, Trishaan - Farrukh, Robin Soans - Governatore Jenkins, Noah Zeiler - Henry Grady, Hriiday Malhotra - Sanjit
Soggetto: Larry Collins - (libro), Dominique Lapierre - (libro), Narendra Singh Sarila - (libro)
Sceneggiatura: Paul Mayeda Berges, Gurinder Chadha, Moira Buffini
Fotografia: Ben Smithard
Musiche: A.R. Rahman
Montaggio: Victoria Boydell, Valerio Bonelli
Scenografia: Laurence Dorman
Arredamento: Seema Kashyap
Costumi: Keith Madden

NOTE

- FUORI CONCORSO AL 67. FESTIVAL DI BERLINO (2017).


Effetti: Filmgate

Per saperne di più...
 

Nel 1947, dopo 300 anni, il dominio dell'Impero Britannico in India si avvicina alla fine. Il nipote della Regina Vittoria, Lord Mountbatten, con la moglie e la figlia, si trasferisce per sei mesi nel Palazzo del Viceré a Delhi. Il suo delicato compito, come ultimo Viceré, è quello di accompagnare l'India nella transizione verso l'indipendenza. Presto, però, nonostante gli insegnamenti di Ghandi, la violenza esplode tra musulmani, induisti e sikh, e sfocia nella cosiddetta "Partition" fra India e Pakistan, coinvolgendo anche gli oltre 500 membri dello staff che lavorano al Palazzo. La storia d'amore tra due giovani indiani, entrambi a servizio del Viceré, la musulmana Aalia e l'induista Jeet, rischia di essere travolta dal conflitto delle rispettive comunità religiose. E quando la situazione precipita si troveranno a dover prendere una decisione epocale.

CRITICA

"Gurinder Chadha (...) ha fatto il film della vita raccontando la 'partition', la divisione fra India e Pakistan decisa dagli inglesi nel 1947. Quella che avrebbe dovuto essere la festa di un subcontinente che tornava indipendente - l'India, appunto - divenne, come è noto, una tragedia con 14 milioni di profughi e un milione di morti in scontri legati all'etnia e, soprattutto, alla religione. Chadha sceglie come protagonista Lord Mountbatten, il vicerè che porte a compimento l'immane pratica (...); ma ne fa una sorta di vittima inconsapevole, dei maneggi di Churchill da una parte, delle lotte inconciliabili tra musulmani e induisti dall'altra. Mettendo in parallelo alla Storia con la maiuscola la piccola storia d'amore fra un giovane induista e una ragazza musulmana, Chadha vira decisamente in direzione polpettone: cinema di una volta, ormai indigeribile, per un'epopea che oggi sarebbe perfetta per una serie di 7-8 stagioni. (...) 'Viceroy's House' è un film veramente brutto, ma vedere i politici inglesi che tirano le righe sulle mappe e decidono dove comincia e dove finisce l'Islam fa capire, con la concretezza dell'immagine, perché il Pakistan di oggi è il paese che è, e perché quei popoli ci odiano con tutto il loro cuore." (Alberto Crespi, 'L'Unità, 17 febbraio 2017)

Per saperne di più...