PERSONAL SHOPPER

GIOVEDI 13 aprile 2017

VENERDI 14 aprile 2017

Spettacolo ore 21.15


SABATO 15 aprile 2017

SpettacolI ore 16.30 e 21.15


DOMENICA 16 aprile 2017

LUNEDI 17  aprile 2017

SpettacolI ore 16.30 - 18.30 - 21.15


FRANCIA 2016 - 105 min.

Produzione: CG CINÉMA IN CO-PRODUZIONE CON VORTEX SUTRA, SIRENA FILM, DETAIL FILMS, ARTE FRANCE CINÉMA, ARTE DEUTSCHLAND/WDR

Distribuzione: ACADEMY TWO

Regia: Olivier Assayas

Attori: Kristen Stewart - Maureen, Lars Eidinger - Ingo, Sigrid Bouaziz - Lara, Anders Danielsen Lie - Erwin, Nora von Waldstätten - Kyra, Ty Olwin - Gary, Hammou Graïa - Poliziotto, Benjamin Biolay - Victor Hugo, Audrey Bonnet - Cassandre, Pascal Rambert - Jérôme, Aurélia Petit - Agente stampa Chanel, Olivia Ross - Agente stampa sartoria londinese, Thibault Lacroix - Agente stampa sartoria parigina, Calypso Valois - Assistente seduta fotografica, Benoït Peverelli - Fotografo, Dan Belhassen - Cardiologio, Léo Haidar - Avvocato di Kyra, Mickaël Laplack - Receptionist Hotel, Vianney Duault - Commesso Cartier, Célia Ouallouche - Receptionist Louboutin, Khaled Rawahi - Autista Oman, Julie Rouart - Commessa

Sceneggiatura: Olivier Assayas

Fotografia: Yorick Le Saux

Montaggio: Marion Monnier

Scenografia: François-Renaud Labarthe

Costumi: Jürgen Doering

Effetti: Anthony Lestremau, Jeremy Maillard

NOTE

- REALIZZATO CON LA PARTECIPAZIONE DI: ARTE FRANCE, ARTE DEUTSCHLAND/WDR, CANAL +, CINÉ +; CON IL SUPPORTO DI: CZECH TAX REBATE, THE CZECH MINORITY COPRODUCTION FUND, TAX SHELTER OF THE BELGIAN FEDERAL GOVERNMENT VIA SCOPE INVEST.

- PREMIO PER LA MIGLIOR REGIA (EX AEQUO CON "BACALAUREAT" DI CRISTIAN MUNGIU) AL 69. FESTIVAL DI CANNES (2016).

Per saperne di più...
 

Maureen è una ragazza americana che lavora a Parigi come "personal shopper", ovvero sceglie i vestiti giusti e con un budget stratosferico a disposizione per Kyra, una star molto esigente. Ma Maureen ha anche la particolare capacità di comunicare con gli spiriti, dono che condivideva con il fratello gemello Lewis, da poco scomparso. Mentre è in cerca di un contatto con l'aldilà per poter salutare definitivamente Lewis e riappacificarsi con la sua perdita, Maureen inizierà a ricevere ambigui messaggi inviati da un mittente sconosciuto. Entrerà così in contatto con una presenza spettrale, ma non è sicura che si tratti di Lewis.

CRITICA

"(...) curioso thriller paranormale con Kristen Stewart (...) catapultata dentro una trama gialla che ha il torto di svolgersi a Parigi (fosse stata Tokyo o Seul nessuno avrebbe fiatato). Un film difficile da descrivere, dunque destinato a scontentare gli amanti del 'genere', ma che inchioda alla sedia proprio in virtù di una regia dietro cui si riconoscono le passioni di un ex-critico che per anni si è diviso tra il culto di Bergman e quello per il cinema di Hong Kong. A pensarci bene, un film perfetto per Cannes." ( Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 23 maggio 2016 )

"(...) Olivier Assayas ha sfidato il ridicolo con una storia di spiritismo, fashion e sangue e dal ridicolo è stato sconfitto." ( Stenio Solinas, 'Il Giornale', 19 maggio 2016)

"Assayas (...) non sembra interessato tanto alla logica della sua sceneggiatura quando a registrare il fascino della sua interprete, sballottata dagli eventi e dagli abiti di moda, dall'elaborazione del dolore e dal fascino per il soprannaturale. Ne esce un film ondivago e (molto) confuso, che vorrebbe raccontare la capacità del cinema di mostrare l'irrappresentabile e che invece finisce per essere solo la prova di un'ambizione esagerata." ( Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 18 maggio 2016 )

"(...) 'Personal Shopper' è un film sorprendente anche nei suoi tentennamenti, nelle parti meno riuscite, in quegli inciampi narrativi o negli eccessi di genere in cui ritroviamo l'universo poetico del regista francese, accordati magari in modo meno compatto che altrove (penso a 'L'Heure d'etè') ma con lo stesso pudore, delicatezza, grazia visuale e soprattutto amore profondo per il cinema. (...) Assayas non propone risposte, le sue sono intuizioni, pensieri che proietta nella materia mobile e impalpabile delle immagini. Che cercano qualcosa di universale e nell'esperienza di ciascuno sempre nuovo, che permettono di inventare il mondo o almeno di illuminane le zone sensibili, quelle che sfuggono alle linee nette della realtà. (...) Certo, i mondi di Assayas non sono chiusi, non fabbricano certezze sfoggiando regie virtuose e istantanee del presente (...). Al contrario la potenza della sua messinscena è fatta di discrezione e morbidezza, epifanie improvvise come le apparizioni degli spettri che compongono un romanzo dell'umano. Maureen, la «personal shopper» più malvestita che si possa immaginare, con la sua andatura goffa, vagamente butch, che non osa provare gli abiti di lusso della sua capa - le è vietato - sa trovare sempre il dettaglio giusto: accessori, scarpe, ma su di lei quel vestito luccicante lo sente fuori posto quando lo indossa assecondando un gioco crudele. La sua solitudine silenziosa, immersa in spettri veri o presunti - più Kurosawa Kyoshi che i Ghostbuster - racconta con raggelata precisione lo stato d'animo del presente. Un sentimento dell'al di qua che sembra avere cancellato il corpo nell'immateriale tecnologico e nelle sue attrazioni, il sesso come gesto solitario: troppa realtà che nega persino la sua l'astrazione. Assayas però non è un moralista, la sua trama del presente affiora sempre da un gesto segreto, in quel dolore universale che cola lieve negli istanti di un tempo che è quello del cinema." ( Cristina Piccino, 'Il Manifesto', 18 maggio 2016 )

"Da un certo punto di vista gemello del precedente 'Sils Maria', col quale condivide l'attrice Kristen Stewart e la riflessione sull'identità e l'apparire, 'Personal Shopper' (...) scantona ben presto in una bizzarra direzione, verso il thriller parapsicologico. (...) La trama può ricordare quella del giallo paranormale all'italiana anni 70, con quei copioni inverosimili, ma la regia è d'autore, controllata, precisa. Sfugge nel complesso il senso dell'operazione. Si capisce che c'è dietro un parallelismo tra i fantasmi e il mondo della comunicazione: tutti nel film si parlano in assenza, con Skype, e le immagini si moltiplicano sui cellulari. E del resto 'fotografare spettri' è qualcosa che somiglia all'impulso primigenio del cinema. Lo sfondo teorico però non è davvero coeso con il corpo del film, e (a parte la banalità dello scioglimento narrativo ) il mondo del soprannaturale sembra lontano dalle corde del regista." ( Emiliano Morreale, 'La Repubblica', 18 maggio 2016 )

"Poco convince l'erratico 'Personal Shopper' di Olivier Assayas, dove la pur brava Kristen Stewart fatica a dare incisività a un personaggio monotono (...)." ( Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 18 maggio 2016 )

"In 'Personal Shopper' (...) ci sono eleganza, mistero e ingenuità. E il cocktail, alla fine, non risulta vincente. C'è eleganza, come sempre, nei film di Olivier Assayas, regista francese dalle origini complesse (...) e dal passato di critico cinematografico per i 'Cahiers du cinéma'. Inquadrature ben composte, dettagliate scenografie di François Labarthe che odorano di vita; una fotografia luminosa e calda. Una cinepresa che fa «sentire» la sua presenza, diresti quasi il suo respiro. Sapore di Nouvelle vague e di Bertolucci, nella Parigi in cui gran parte della storia si svolge. C'è mistero. Ci sono momenti di epifania. Attimi che ti fanno pensare che in quell'incrociarsi di luogo e tempo stia per rivelarsi qualcosa, un mondo diverso. Ma ci sono anche momenti di estrema, scombinata ingenuità. Aspetti quasi infantili nei dialoghi e negli eventi; trucchi da piccolo horror. E così, il mistero che il film accortamente costruisce rischia di sgonfiarsi come un palloncino bucato. (...) Tutto (...) può diventare un film allusivo o trash. E 'Personal Shopper' oscilla paurosamente tra le due cose." ( Giovanni Bogani, 'Nazione-Carlino-Giorno', 18 maggio 2016)

"I segni dei medium sono un tema poco frequentato dal cinema francese. Una storia più confusa che eccentrica, con divagazioni sulle sedute spiritiche ed esoteriche di Victor Hugo che conversava con figure storiche del passato, e su Hilma Klimt, pioniera dell'astrattismo pittorico. Ma nel film dell'iconico autore francese, con gli spiriti si comunica attraverso sms, dunque è una trascendenza online col nostro tempo." ( Valerio Cappelli, 'Corriere della Sera', 17 maggio 2016)

Nascondi

Per saperne di più...