QUA LA ZAMPA

QUA LA ZAMPA

DOMENICA 2 aprile 2017

Spettacoli ore 16.00


USA 2017 - 100 min.

Produzione: AMBLIN ENTERTAINMENT, RELIANCE ENTERTAINMENT, WALDEN MEDIA, PARIAH PRODUCTION

Distribuzione:EAGLE PICTURES

Tratto dal romanzo " Dalla parte di Bailey - Qua la zampa!" di W. Bruce Cameron (ed. Giunti)

Regia: Lasse Hallström
Attori: Dennis Quaid - Ethan adulto, Britt Robertson - Hannah ragazza, K.J. Apa - Ethan ragazzo, John Ortiz - Carlos, Peggy Lipton - Hannah adulta, Bryce Gheisar - Ethan bambino, Kirby Howell-Baptiste - Maya, Logan Miller - Todd, Luke Kirby - Jim, Caroline Cave - Ellen, Juliet Rylance - Elizabeth, Pooch Hall - Al, Michael Patric - Sam, Nicole LaPlaca - Wendi, Primo Allon - Victor, Michael Bofshever - Nonno Bill, Gabrielle Rose - Nonna Fran, Brooke Warrington - Bree
Soggetto: W. Bruce Cameron - (romanzo)
Sceneggiatura: W. Bruce Cameron, Cathryn Michon, Audrey Wells, Maya Forbes, Wallace Wolodarsky
Fotografia: Terry Stacey
Musiche: Rachel Portman
Montaggio: Robert Leighton
Scenografia: Michael Carlin
Arredamento: Craig Sandells
Costumi:Shay Cunliffe


NOTE

NELLA VERSIONE ORIGINALE LA VOCE DI BAILEY E' DI JOSH GAD; IN QUELLA ITALIANA E' DI JERRY SCOTTI.

OIPA È PARTNER DEL FILM: ANDANDO A VEDERE IL FILM SI CONTRIBUIRÀ ALLA CAUSA, SOSTENUTA DALL'ASSOCIAZIONE, DELLA LOTTA AL RANDAGISMO IN ITALIA.

Storia di Bailey, un cucciolo di cane saggio e divertente che tra mille avventure e tanti proprietari conduce un viaggio incantato alla ricerca del senso della vita, dell'amore e della lealtà, superando il velo sottile che separa animali ed esseri umani.


CRITICA

"(...) nuova cinepica canina dello svedese Hallström, che con lo strappalacrime 'Hachiko' (2009) ci ha preso gusto. Meno lacrimoso (anche se i fazzoletti in tasca servono) e lirico del precedente, 'Qua lo zompa!' ha il sapore di una fiaba esistenzial-zoofila dai buoni sentimenti americani conditi dall'originalità orientale fornita dalla trasmigrazione d'anima. Ça va sans dire, più per cinofili che per cinefili." ( Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 19 gennaio 2017)

"(...) il film, facendo leva sulla tenerezza, prova a spiegare il legame, unico e profondo, tra l'uomo e il suo cane."( Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 19 gennaio 2017 )