IL DUBBIO UN CASO DI COSCIENZA

IL DUBBIO UN CASO DI COSCIENZA

MERCOLEDI 23 maggio 2018

GIOVEDI 24 maggio 2018

VENERDI 25 maggio 2018

SABATO 26 maggio 2018


spettacolo unico ore 21.15



Regia: Vahid Jalilvand

Attori: Navid Mohammadzadeh - Moosa, Amir Aghaei - Dott. Nariman, Hedieh Tehrani - Sayeh, Zakiyeh Behbahani - Leila, Saeed Dakh - Ispettore, Alireza Ostadi - Assistente Procuratore

Sceneggiatura: Ali Zarnegar, Vahid Jalilvand

Fotografia: Peyman Shadmanfar

Musiche: Peyman Yazdanian

Montaggio: Vahid Jalilvand, Sepehr Vakili

Scenografia: Mohsen Nassrollahi

Suono: Amin Mirshekari

NOTE

- PREMIO 'ORIZZONTI' PER LA MIGLIORE REGIA, PREMIO 'ORIZZONTI' PER LA MIGLIOR INTERPRETAZIONE MASCHILE A NAVID MOHAMMADZADEH ALLA 74. MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2017).

IRAN, 2017 -   104 min.

Produzione:  ALI JALILVAND, EHSAN ALIKHANI

Distribuzione: 102 DISTRIBUITION

Tratto da romanzo omonimo di James Hadley Chase (ed. Feltrinelli)

Il dottor Nariman, patologo forense, mentre è a bordo della sua auto provoca involontariamente un incidente con una motoretta. Sul motociclo viaggiavano Moosa, sua moglie Leila, con in braccio la figlia più piccola, e il figlio di 8 anni. Quest'ultimo resta ferito, sebbene esteriormente non in maniera grave, e il dottor Nariman si offre di portare il piccolo in ospedale. Moosa, però, rifiuta l'aiuto del medico e non segue il consiglio di portare il bambino in una clinica vicina. La mattina successiva, mentre è in ospedale, il dottor Nariman scopre che vi è stato portato il corpo senza vita del bambino. L'autopsia eseguita dalla collega Sayeh evidenzia un avvelenamento alimentare, ma per l'anatomopatologo resta il sospetto di una frattura delle vertebre cervicali. Nariman si trova così di fronte a un dilemma: è lui stesso il responsabile della morte del bambino in seguito all'incidente o è realmente morto per avvelenamento alimentare, come diagnosticato?